L’e-mail è destinata a morire?

Le persone che parlano di e-mail sostituite da blog / social network / Google wave / next-random-passare-moda non capiscono perché l’email sia cresciuta in popolarità in primo luogo

1. L’email è distribuita. Non è tutto in un unico posto. I server di posta Yahoo possono comunicare con i server di posta Gmail.

2. È privato. Va solo alle persone a cui vuoi inviarlo

3. È standardizzato: la sfida più difficile che il mondo della tecnologia deve affrontare è quella delle standardizzazioni ed è ciò che rallenta il processo la maggior parte delle volte.

4. Ha attorno un’industria multi-miliardaria. Le persone hanno interessi acquisiti per mantenerlo in vita.

E se non altro per la posta elettronica essere sostituito da qualcos’altro

1. Tutti nel mondo devono sostanzialmente utilizzare lo stesso sito / servizio / social network

2. oppure questi siti / servizi / social network devono dialogare per inviare / ricevere messaggi e allegati

I social network si odiano a vicenda. Non ho idea di come le persone abbiano mai concordato sull’e-mail e sulla sua implementazione, ma posso scommettere sulla mia vita sul fatto che i social network o i feed non verranno presto standardizzati.

Penso che le persone dovrebbero semplicemente smettere di leggere e seguire le persone che proiettano social network in sostituzione di e-mail in qualsiasi momento presto, questi sono solo sconsiderati sguardi per ottenere attenzione e bulbi oculari.

L’email come forma di comunicazione è rotta. Man mano che esplode il volume della posta elettronica aziendale, sempre più aziende fanno fatica a far fronte. Lo storage di posta elettronica aziendale sta crescendo dal 20% al 25% all’anno grazie in parte alla più pesante condivisione di file, secondo la società di consulenza Osterman Research. La discarica di dati assorbe ogni anno 997 miliardi di dollari di produttività dai lavoratori statunitensi, secondo la società di ricerca Basex. “L’e-mail è uno strumento intrinsecamente scadente per l’accesso alle informazioni”, afferma Forrester Research. Si stima che il 30% della posta elettronica sia “spam professionale” causato da un uso eccessivo di CC, BCC e REPLY ALL e ora le e-mail 1 su 4 inviate da aziende che inviano grandi volumi di posta vanno direttamente nelle cartelle SPAM. Il problema è che l’e-mail è ancora il mezzo predefinito per la comunicazione aziendale e lo strumento che sembra sostenere ogni accesso e servizio che i consumatori utilizzano su Internet. C’è un’enorme opportunità per qualcuno di sostituire la posta elettronica con un nuovo protocollo di messaggistica, ma non è qualcosa che sarà facile da fare.

L’email non è diventata solo una forma di comunicazione, ma anche identità. Il nostro indirizzo e-mail viene utilizzato per identificarci in quasi tutti gli accessi che esegui e pertanto è mia opinione che l’e-mail continuerà a prosperare fino a quando non verrà creata una nuova forma di gestione dell’identità online.

Una cosa che trovo particolarmente interessante in questo argomento è il fatto che l’e-mail è in realtà parte integrante di molti altri tipi di marketing.

Prendiamo ad esempio i social media, molte persone credono che i social media saranno la morte della posta elettronica, ma ripensano a iscriversi effettivamente a queste reti .. Più spesso che non ti serviva una e-mail per iscriverti davvero! Spesso viene offerta la posta elettronica, se non l’unico modo, per accedere effettivamente anche a queste reti!

Come ti viene detto un retweet o un like? E-mail! Come vengono comunicati importanti cambiamenti a un social network? E-mail!

Quindi perché queste reti utilizzano la posta elettronica invece di inviarti messaggi tramite la rete? Perché hanno bisogno di un unico punto di comunicazione, qualcosa che solo l’e-mail offre.

I nomi utente cambiano costantemente, a seconda della rete. Mentre le e-mail cambiano alcune volte durante la vita, sono molto più coerenti e sono quindi un modo molto più affidabile per le reti di contattarti.

Se sei interessato a leggere di più su come l’e-mail integrale è sui social media, dai un’occhiata a questa guida basata sull’integrazione
http://www.pure360.com/whitepape

Spero che sia d’aiuto! 🙂